Deviatori e la mente delle donne

Cosa c'è di meglio per un pò di relax, di un caffè virtuale dove potersi incontrare con gli amici e scambiare quattro chiacchiere?

Moderatori: donatella, livio@

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 5609
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Deviatori e la mente delle donne

Messaggioda giovanni » dom 11 set 2016 1:31 am

L'altra sera mi telefona una vicina di casa dicendomi che non gli si accendeva più la luce nello studio.
Sono andato a vedere e la luce era comandata semplicemente da due deviatori. Provai ad azionarli
ripetutamente, ma la luce effettivamente non dava segni di vita. La signora mi riferì che aveva provato
a cambiare anche la lampada alogena a parete ma senza risultati.
Fra l'altro la vicina era stata via alcuni giorni da casa e quando era uscita la luce funzionava benissimo.

Voi che avreste fatto al mio posto? Cosa poteva essere successo ai due deviatori?
Controllandoli con il tester, mi accorsi che effettivamente fra i due comuni non c'era continuità.
Quindi ci doveva essere una interruzione da qualche parte, ma dove? Con il tester verificai che
i due deviatori funzionavano alla perfezione, solo che non erano più collegati fra loro.
Tanto per fare qualche prova, provai a collegare con un filo volante i centrali dei due deviatori (fase e neutro)
e la luce si accese. Ora si trattava di scoprire dove era l'interruzione. Mi venne in mente che da qualche parte
ci fosse un invertitore... che sarebbe stata la cosa più logica, però la signora continuava ad asserire che lei la luce
l'aveva sempre accesa solo da quei due interruttori.

Allora cominciai ad aprire la scatola di derivazione vicina ad un deviatore e, in effetti, si vedevano i due fili comuni
entrare in corrugato, ma non arrivavano all'altro deviatore.
Aveva chiamato anche l'elettricista, ma che aveva declinato l'invito... probabilmente perché aveva immaginato che la signora
non ci fosse completamente con la testa.
E in effetti, da quello che successe dopo, il dubbio venne anche a me.

Allora, così parlando, venne fuori che in origine quella era una camera da letto, e ragion per cui ci doveva essere
per forza un invertitore da qualche parte. Ma controllando le pareti "visibili" i punti di accensione erano solo due.
Finché la donna si ricordò che, dove prima c'era un letto, adesso la parete era completamente coperta da una libreria.
Per cui si facemmo da una parte e cominciammo a tirare fuori tutti i libri, e ad un certo punto come per incanto ecco
venire alla luce un altro interruttore. Era l'invertitore che la teoria diceva dovesse esserci.
Levato i libri che lo occultavano, i due deviatori ricominciarono a funzionare regolarmente... e naturalmente anche premendo
il nuovo interruttore.

Ecco cosa era successo: il libro che copriva l'invertitore era stato toccato e per combinazione il pulsante era rimasto
in una posizione di equilibrio parallela al libro, cioè ne aperto ne chiuso. In pratica i due deviatori erano scollegati.
Morale della favola entrai nella casa alle 3 e ne uscii la sera a buio.
Ecco perché nel titolo ho fatto riferimento alla mente delle donne.

Comunque è stata forte per non raccontarla. :shock: :lol: :lol:
L'ignoranza genera fiducia più spesso della conoscenza. (Charles Darwin)

Avatar utente
mariobrossh
Moderator Maximo
Messaggi: 11818
Iscritto il: lun 17 ago 2009 9:11 am
Località: Cosenza

Re: Deviatori e la mente delle donne

Messaggioda mariobrossh » dom 11 set 2016 7:12 am

Si potrebbe titolare "il mistero dell'interruttore scomparso" :lol: :lol:

pensa che quell'elettricista si poteva guadagnare la giornata spostando semplicemente un libro :P
Condividere un'idea è sempre una buona idea :)


Torna a “VIRTUAL CAFE'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 1 ospite