decespugliatori da riparare

Consigli su acquisti uso e manutenzione degli utensili per i nostri lavori di fai da te e non solo
plcet
Messaggi: 3792
Iscritto il: lun 16 mar 2009 11:51 pm

decespugliatori da riparare

Messaggioda plcet » gio 08 apr 2021 8:00 am

buongiorno,
sto cercando di riparare o meglio, dal rumore, di "stappare" 2 decespugliatori che ho.....uno è un oleomac e l' altro un alpina.
Ho smontato entrambi i carburatori in ogni sua parte, messi a mollo una mattinata nel WD, soffiati e rimontati.....

il primo, parte, il suono sembra buono e accelerando al massimo, cade improvvisamente come se affogasse
il secondo è ripartito e il suono mi è sembrato ottimo.....però ho riprovato dopo un pò a rimetterlo in moto e faceva difficoltà....il suono sembrava ottimo.

Ho acquistato anche la chiave pac-man per il secondo per la regolazione del minimo e diciamo che ho risolto, ma perchè non riparte come dovrebbe dopo 2 giri di corda?!?!?

Secondo voi cosa può essere??? membrane da sostituire?? altri problemi?? possono essere le cannette che tirano la benzina che abbiamo sostituito, magari fanno un pò d' aria?!?!?!
Non so, aiutino :D

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 6971
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Re: decespugliatori da riparare

Messaggioda giovanni » gio 08 apr 2021 9:37 am

plcet ha scritto:il primo, parte, il suono sembra buono e accelerando al massimo, cade improvvisamente come se affogasse :D


Stessa situazione con un husqvarna. Sono 3 mesi che ci combatto: cambiato le membrane, cambiato il tubo della miscela e mi è andato bene per una settimana e poi è morto: si accende (anche se male) ma accelerando affoga come se mancasse benzina. L'ho già fatto vedere a 3 officine di riparazioni ma mi hanno detto che è troppo vecchio (20 anni) e non conviene ripararlo. Quindi ho deciso: in settimana lo smonto tutto e mi ci dedico fino a che non rifunziona come si deve; vediamo chi la vince. :)
Comunque rimaniamo in contatto... il primo che risolve avverte l'altro e gli dice come ha fatto. :D
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce

plcet
Messaggi: 3792
Iscritto il: lun 16 mar 2009 11:51 pm

Re: decespugliatori da riparare

Messaggioda plcet » ven 09 apr 2021 7:56 am

non so se ci perderò ancora tempo a ripararlo....però brutta cosa ihihiihhi, parte, gira e poi s' affoga :(

Avatar utente
Capitan Farloc
Site Admin
Messaggi: 6902
Iscritto il: gio 29 dic 2005 10:58 pm
Località: Roma

Re: decespugliatori da riparare

Messaggioda Capitan Farloc » ven 09 apr 2021 10:28 am

Non mi intendo di decespugliatori ma anni fa ho litigato con un SI della Piaggio che a caldo e sotto sforzo perdeva di potenza come se la miscela non arrivasse a sufficienza.
Provate a verificare il buon funzionamento dell'alternatore e della bobina, soprattutto la bobina può avere delle dispersioni interne dovute a perdita dell'isolamento che si potrebbero verificare solo all'aumentare del numero di giri del motore e quindi della tensione prodotta.
Luciano

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 6971
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Re: decespugliatori da riparare

Messaggioda giovanni » dom 11 apr 2021 8:39 pm

giovanni ha scritto:
plcet ha scritto:il primo, parte, il suono sembra buono e accelerando al massimo, cade improvvisamente come se affogasse :D


Stessa situazione con un husqvarna. Sono 3 mesi che ci combatto: cambiato le membrane, cambiato il tubo della miscela e mi è andato bene per una settimana e poi è morto: si accende (anche se male) ma accelerando affoga come se mancasse benzina. L'ho già fatto vedere a 3 officine di riparazioni ma mi hanno detto che è troppo vecchio (20 anni) e non conviene ripararlo. Quindi ho deciso: in settimana lo smonto tutto e mi ci dedico fino a che non rifunziona come si deve; vediamo chi la vince. :)
Comunque rimaniamo in contatto... il primo che risolve avverte l'altro e gli dice come ha fatto. :D


Buone notizie: CE L'HO FATTA!
Finalmente, dopo tre mesi di battaglie (perse), stasera mi ci sono messo con tutta calma e ho smontato il carburatore: ho smontato le membrane (del resto nuove perché già cambiate all'inizio dell'avventura), ho tolto le tre viti di regolazione e ho tolto un filtrino a dischetto che era molto sporco. Ho pensato subito che era quello che impediva il passaggio del carburante... quindi l'ho lavato con la benzina e soffiato e poi il carburatore e le viti li ho messe a bagno nella benzina. Quindi li ho tolti, ho soffiato bene il carburatore da tutti gli orifizi e ho rimontato il tutto. All'inizio mi sono preoccupato perché dopo 5 minuti di tirate non dava segni di vita; allora ho tolto la candela, ho versato dentro il cilindro della miscela e ho riprovato a farlo partire. Questa volta è partito, ma appena finita la miscela messa dentro il cilindro si è spento e non ha voluto più riaccendersi.
Però era anche normale: il carburatore era vuoto e per riempirsi voleva il suo tempo. Difatti, dopo altri 5 minuti di tirate è partito e, naturalmente
tutto sballato perché mi ero dimenticato di fare la preregolazione delle viti. Allora l'ho spento, ho stretto le due viti fino a battuta e poi ho allentato
di 1 giro e 1/4 quella del minimo e poi di 1 giro e mezzo quella del massimo. L'altra che regola l'apertura della farfalla l'ho lasciata appena stretta.
A questo punto sono bastate un paio di tirate e il motore è partito. Ho prima regolato il minimo stringendo la vite fino a che il motore ha iniziato ad accelerare; ho continuato a stringere fino a che il motore tendeva a spegnersi; a quel punto ho allentato la vite di 1/4 di giro e quella regolazione era a posto. Poi sono passato alla regolazione della vite del massimo: accelerando al massimo sentivo che il motore perdeva i colpi e stentava a prendere giri, voleva dire che la miscela era troppa e allora ho stretto la vite lentamente fino a che il motore prendeva bene i giri e non perdeva più colpi.
Ecco quella era la regolazione corretta della vite del massimo. Praticamente le istruzioni del carburatore dicevano che la regolazione del massimo è giusta quando il motore smette di perdere colpi, cioè di accennare ad andare a 4 tempi.
Per ultimo ho regolato la vite di battura della farfalla, affinché il motore girasse allegro ma senza far girare la testina.
L'ho lasciato acceso al minimo un 10 minuti ed è andato come un orologio svizzero. FINE

E pensare che l'avevo fatto vedere a tre officine... non una... e tutte mi avevano risposto che il decespugliatore ormai era troppo vecchio e non conveniva ripararlo. Quando tutto il male era semplicemente uno stupidissimo filtro sporco, che non faceva passare il carburante... : Andry :
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce

plcet
Messaggi: 3792
Iscritto il: lun 16 mar 2009 11:51 pm

Re: decespugliatori da riparare

Messaggioda plcet » lun 12 apr 2021 7:51 am

oooooooooottimo....da quanto mi dici, il tuo carburatore è differente dal mio, in quanto a me, entrambi i decespugliatori hanno una sola vite di regolazione di minimo, sull' alpina sono fiducioso, perchè mi è ripartito ed andava normale, come prima, poi tutto felice ho chiamato mio padre per farglielo vedere e non è ripartito più ahhahahaha (forse come dici tu, deve rientrare in circolo il tutto nel carburatore)

L' oleomac, effettivamente aveva un dischetto filtro, ma non gli ho dato peso (anzi in fase di soffiatura, ho visto volare una cosa ed era proprio quello :D però mi sembrava pulito) , magari è quello anche a me....casomai gli ridò un occhiata appena ho un attimo!!

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 6971
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Re: decespugliatori da riparare

Messaggioda giovanni » lun 12 apr 2021 9:30 am

plcet ha scritto: il tuo carburatore è differente dal mio

Si, in effetti il mio è un Valbro... comunque come funzionamento sono tutti uguali

in quanto a me, entrambi i decespugliatori hanno una sola vite di regolazione di minimo,

Ho visto che anche il carburatore della motosega, pur non essendo un Walbro, ha sempre due viti di regolazione del minimo: una è quella che regola il passaggio di carburante al minimo e l'altra fa semplicemente da battuta della leva che comanda la farfalla, lasciandola più o meno aperta.
Poi, per far bene, l'ideale è vedere la marca dei tuoi carburatori e cercare l'esploso e le istruzioni in rete. Per il mio trovai tutto e, a forza di studiarmi la documentazione, alla fine la sapevo quasi a memoria... e non sai quanto voglia dire sapere le cose.

ha (forse come dici tu, deve rientrare in sull' alpina sono fiducioso, perché mi è ripartito ed andava normale, come prima, poi tutto felice ho chiamato mio padre per farglielo vedere e non è ripartito più ahhahahaircolo il tutto nel carburatore)

Nel mio caso, poi, visto che per farlo partire gli avevo dato il "cicchetto" dalla candela, magari ne avevo messo troppa di miscela e, quindi, aveva bisogno anche di evaporare. Difatti, poi, quando è partito normalmente, per alcuni minuti ha continuato a fare molto fumo... e dopo neanche un po'.
Quindi, se non ti parte proprio e decidi di dargli il "cicchetto", versa la miscela in un'ampollina con beccuccio piccolo e usa questa per versarla nel cilindro. Considera che devono essere solo poche gocce... massimo 0.5-1cc come volume.
Se non hai l'ampollina, va bene anche una siringa da 1cc... tipo quelle che usano per fare il vaccino.

L' oleomac, effettivamente aveva un dischetto filtro, ma non gli ho dato peso (anzi in fase di soffiatura, ho visto volare una cosa ed era proprio quello :D però mi sembrava pulito) , magari è quello anche a me....casomai gli ridò un occhiata appena ho un attimo!!


Il filtro a dischetto era inserito in un alloggiamento di circa 8-9mm di diametro ed era fatto a scodella... con i bordi rialzati tanto per capirsi. Poi, all'inizio, più che il dischetto in sé mi ha fatto insospettire lo sporco che era sulla membrana, proprio sopra il dischetto... che più che sporco/bruscoli si trattava più di morchia/melma, che praticamente impediva totalmente il passaggio. Fra l'altro, il filtro è talmente fitto che non te ne accorgi che è intasato: io provai a toccarlo con la punta di un cacciavite e vidi che questa melma ci rimaneva attaccata. Allora cominciai a raschiarlo e vidi che, sopra, di questo zozzo ce n'era uno strato di circa mezzo mm. Quindi lo levai, lo misi nella benzina e lo soffiai (delicatamente perché se mi volava via ero fritto). La pulizia di tutto il resto fu più che altro rituale, perché ormai sapevo che il "tappo" era quel filtro sporco... e difatti i fatti l'hanno confermato.
Per ulteriori condivisioni, mi trovi sempre qui. :)
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce


Torna a “UTENSILI ED ELETTROUTENSILI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti