campo di battaglia più che giardino

Per gli amanti del giardinaggio, per chi ha il pollice verde e chi semplicemente ama avere un piccolo vaso con dei fiori sul balcone...

Moderatori: isex, donatella

Avatar utente
gminola
Messaggi: 201
Iscritto il: mer 02 gen 2008 6:54 pm

campo di battaglia più che giardino

Messaggioda gminola » lun 27 apr 2009 12:06 pm

Ho bisogno di un aiuto per mettere a posto il mio giardino...è da quasi due anni che strappo dal terreno tutte le volte le erbacce che si fanno ma tutte le volte vengono su..non c'è qualche metodo per eliminarle una volta per tutte senza usare i diserbanti? avevo pensato di buttare giu il sale ma non ho idea se è fattibile

cosimocs

Messaggioda cosimocs » lun 27 apr 2009 5:00 pm

Un mio amico anzicchè strapparla tosa e annaffia in continuazione
così ottiene un prato a prova di rugby, :o infatti adesso si vendono
anche i semi proprio per i campi di calcio.
Purtoppo la gramigna non si estirpa l'unico rimedio sono i
disserbanti, pensa che nelle agricolture biologiche viene
"francizollata" per cui diventa concime. :D

Avatar utente
gminola
Messaggi: 201
Iscritto il: mer 02 gen 2008 6:54 pm

Messaggioda gminola » lun 27 apr 2009 5:23 pm

a...altra domanda che mi hai fatto venire in mente....quella che ho strappato l'ho messa tutta in un secchio e chiusa dentro...per "farla diventare concime" ma quanto tempo devo lasciarla li?ma le radici quando poi lo ributto giu nel terreno "riattaccano"?

cosimocs

Messaggioda cosimocs » lun 27 apr 2009 5:39 pm

quello che vuoi fare tu si chiama compostaggio, per farlo
ci vuole un biotrituratore come questo
Le radici se triturate non attecchiscono più

Immagine


e poi seguire queste 10 regole

1. Usate tre contenitori: per raccogliere, compostare e conservare il compost.
2. Scegliete un luogo riparato dal vento, possibilmente in penombra e nei pressi dell'abitazione, vicino ai collegamenti elettrici e idrici.
3. Ponete il contenitore del compost direttamente sul terreno (mai su lastre di pietra), per consentire la penetrazione degli insetti presenti nel suolo.
4. Raccogliete solo materiale adatto al compostaggio, come foglie, rami tagliati e rifiuti organici domestici. Separate i rami dai resti morbidi e terrosi delle piante; coprite il materiale e proteggetelo dalla pioggia.
5. Triturate bene i rifiuti organici per facilitare il processo di decomposizione,
6. Dopo aver sistemato uno strato di rami spezzati, mischiate materiali grossi e fini (non dello stesso tipo) contenenti sia azoto che carbonio.
7. Accumulate detriti per il compostaggio fino a un'altezza massima di 80 cm, per garantire una circolazione ottimale dell'ossigeno.
8. Coprite per proteggere dall'essiccazione e dall'erosione e per facilitare lo sviluppo del calore.
9. Controllate l'umidità per favorire l'attività dei microrganismi utili alla decomposizione, e rimestate regolarmente.
10. Mescolate sempre il materiale decomposto con terriccio o calce, per accelerare la decomposizione.

Avatar utente
MisterQ
Messaggi: 347
Iscritto il: lun 03 mar 2008 3:51 pm
Località: Grava (AL)

Messaggioda MisterQ » lun 18 mag 2009 12:57 am

Io ho ottenuto grtis dal comune una compostiera e ci butto dentro quasi tutto, erba strappata e tagliata con il rasaerba, scarti di cucina, fiori appassiti...l'unica cosa che non metto sono i rami da potatura perchè non ho il trituratore; ogni tanto rimescolo, aggiungo un po' di accelerante e se vedo che è troppo secco un po' d'acqua ed il compost è bello che fatto.
Lunga Vita e Prosperità

Se fate il 730 o presentate il CUD ricordatevi del 5x1000
97147110155 è il codice fiscale di EMERGENCY

Avatar utente
isex
Moderator Senior
Messaggi: 1781
Iscritto il: ven 03 ott 2008 11:07 pm
Località: Messina - Palermo

Re: campo di battaglia più che giardino

Messaggioda isex » gio 21 mag 2009 12:43 pm

gminola ha scritto:Ho bisogno di un aiuto per mettere a posto il mio giardino...è da quasi due anni che strappo dal terreno tutte le volte le erbacce che si fanno ma tutte le volte vengono su..non c'è qualche metodo per eliminarle una volta per tutte senza usare i diserbanti? avevo pensato di buttare giu il sale ma non ho idea se è fattibile

Se hai pazienza puoi applicare al terreno un telo nero che si trova nei negozi specifici. Non l'ho mai acquistato ed in questo momento non so chi lo produce. Mi informo. E' proprio per il terreno perchè non fà passare la luce e dunque limita la fotosintesi clorofilliana ma fa passare l'acqua e respirare il terreno. Esiste un tipo fatto con il mais che si biodegrada dopo una stagione e di solito si usa per i solchi. Nel tuo caso questo telo eviterebbe che le erbacce vengano su. Il sale !!! Assolutamente no. Renderesti la terra sterile anche per coltivazioni future !!!
ISEX - Acronimo di Industrial Systems Expert (Esperto di Sistemi Industriali).
Think Safe! Work Safe!

edw
Messaggi: 116
Iscritto il: mer 27 mag 2009 6:13 pm

Messaggioda edw » mer 27 mag 2009 6:46 pm

Ciao
io ho passato sul terreno la fresa o zappa a motore, e poi ho piantato gli ortaggi. Ad oggi (dopo 2 mesi) non c'è erba. Però un vicino (anziano contadino) mi ha detto che andrebbe passato il disserbante ogni anno prima della semina.
Io mi dissocio da tale tecnica perchè ho messo tanta energia per far crescere ortaggi salutari nel mio orto.
Auguri

Avatar utente
isex
Moderator Senior
Messaggi: 1781
Iscritto il: ven 03 ott 2008 11:07 pm
Località: Messina - Palermo

Messaggioda isex » gio 28 mag 2009 5:51 pm

Il disserbante come il glifosate (chiamato comunemente roundup) agisce a livello sistematico della pianta entrando nel circolo vitale arrivando tramite la fotosintesi clorofilliana alla radice uccidendola perciò non intacca gli ortaggi che pianteresti dopo. In genere il disserbante viene passato insieme agli antigerminativi che evitano il proliferare delle erbacce attraverso i semi che rilasciano nel terreno.
ISEX - Acronimo di Industrial Systems Expert (Esperto di Sistemi Industriali).

Think Safe! Work Safe!

ulysse

Messaggioda ulysse » gio 28 mag 2009 11:58 pm

io ho fatto di meglio.....ho individuato una zona ,l'ho fresato per benino,ho fatto un impianto di irrigazione poi con un telo nero (lo vendono nei negozi di giardinaggio)l'ho ricoperto tutto ,ho comperato delle piante che fioriscono in vari periodi dell'anno,ho forato il telo nero dove ho inserito le piante e per finire ho ricoperto il tutto con lapillo (sono pietroline colorate volendo puoi anche mettere corteccia),ora sono circa 2 anni che levo ogni tanto qualche filo d'erba e...cosa piu' bella NON DEVO PIU' USARE quell' attrezzo infernale del tagliaerba
ciao

Avatar utente
isex
Moderator Senior
Messaggi: 1781
Iscritto il: ven 03 ott 2008 11:07 pm
Località: Messina - Palermo

Messaggioda isex » ven 29 mag 2009 4:40 pm

Il telo viene identificato in commercio come:
telo per pacciamatura o telo pacciamante.
Bel lavoro. Lo farò anche io su un tratto piccolo.

http://it.wikipedia.org/wiki/Telo_pacciamante
ISEX - Acronimo di Industrial Systems Expert (Esperto di Sistemi Industriali).

Think Safe! Work Safe!


Torna a “GIARDINAGGIO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite