regolatore intensità

Il forum per risolvere tutti i problemi dell'impianto elettrico e non solo

Moderatori: dalmos, isex

Mysa
Messaggi: 31
Iscritto il: dom 20 set 2009 3:58 am
Località: Roma
Contatta:

regolatore intensità

Messaggioda Mysa » dom 20 set 2009 4:11 am

premesso che fin ora l'elettricità è la parte che meno conosco, volevo qualche info su come poter inserire un regolatore di intensità luminosa in camera da letto, io ho per puro caso quello della vimar che prevede l'inserimento di tre fili se non sbaglio mente invece smontando la presa io ne ho solo due all'interruttore e non funziona infatti, cosa significa? come fare? grazie e scusate le domande sceme
Ciao Stefania --> La mia passione è la coltivazione delle piante

Vieni a visitare il mio sito Http://www.cactusdreams.altervista.org

o anche il mio forum http://www.cactusgroup.org/forum

Avatar utente
mariobrossh
Moderator Maximo
Messaggi: 12463
Iscritto il: lun 17 ago 2009 9:11 am
Località: Cosenza

Messaggioda mariobrossh » dom 20 set 2009 7:03 am

guarda bene cosa c'è scritto sul regolatore in corrispondenza
delle viti, probabilmente uno dei tre è il comune, prova
tutte le combinazioni e facci sapere
Condividere un'idea è sempre una buona idea :)

Avatar utente
isex
Moderator Senior
Messaggi: 1781
Iscritto il: ven 03 ott 2008 11:07 pm
Località: Messina - Palermo

Messaggioda isex » lun 21 set 2009 8:52 pm

se l'interruttore dici che ha solo due fili, uno è la fase e l'altro va alla lampadina.
ti manca il neutro che serve insieme alla fase per attivare l'elettronica del dimmer.
Devi recuperarlo dalla cassetta di derivazione.
Se hai problemi cercheremo di guidarti passo passo.
ISEX - Acronimo di Industrial Systems Expert (Esperto di Sistemi Industriali).
Think Safe! Work Safe!

Mysa
Messaggi: 31
Iscritto il: dom 20 set 2009 3:58 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda Mysa » lun 21 set 2009 9:02 pm

vediamo se ho capito.. la cassetta di derivazione è quella che sta nel muro di solito è tonda e non si vede? una volta trovata che devo fa?
Ciao Stefania --> La mia passione è la coltivazione delle piante



Vieni a visitare il mio sito Http://www.cactusdreams.altervista.org



o anche il mio forum http://www.cactusgroup.org/forum

Avatar utente
isex
Moderator Senior
Messaggi: 1781
Iscritto il: ven 03 ott 2008 11:07 pm
Località: Messina - Palermo

Messaggioda isex » lun 21 set 2009 10:20 pm

devi rintracciare il neutro e portarlo nella cassetta dove hai l'interruttore. prova ad aprirla e vedi se sono in comunicazione tra di loro muovendo un pò i fili.
ISEX - Acronimo di Industrial Systems Expert (Esperto di Sistemi Industriali).

Think Safe! Work Safe!

Mysa
Messaggi: 31
Iscritto il: dom 20 set 2009 3:58 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda Mysa » mer 23 set 2009 10:39 am

allora sul regolatore ci sono tre fori.. uno con scritto L1 L2 e un segno strano tipo una curva con una freccia

sulle istruzioni sta scritto:

Il collegamento deve avvenire in associazione aun portafusibile con fusibile rapido ad alto potere di interruzione tipo F2 5 AH
-in luogo di un interruttore
in aggiunta ad un interruttore

il regolatore è della vimar idea n° 16563 e questo è lo schema
http://www.vimar.eu/download/catalogo/it/documenti/catalog/ZMK_09I372-LINEA_PT.pdf va cercato..
chi mi da qualche dritta? se non ho capito male dovrei mettere un portafusibile
Ciao Stefania --> La mia passione è la coltivazione delle piante



Vieni a visitare il mio sito Http://www.cactusdreams.altervista.org



o anche il mio forum http://www.cactusgroup.org/forum

liuk
Messaggi: 151
Iscritto il: mer 13 feb 2008 4:17 pm

Messaggioda liuk » gio 15 ott 2009 6:29 pm

dove c'è quella specie di curva con la freccia ci va collegato il filo della lampada
poi negli altri due in uno porti la fase e nel'altro il neutro

Avatar utente
allex
Messaggi: 2028
Iscritto il: dom 20 lug 2008 12:43 pm

Messaggioda allex » gio 15 ott 2009 7:32 pm

isex ha scritto:devi rintracciare il neutro e portarlo nella cassetta dove hai l'interruttore. prova ad aprirla e vedi se sono in comunicazione tra di loro muovendo un pò i fili.

poi negli altri due in uno porti la fase e nel'altro il neutro


cercate di non suggerire corbellerie (tanto chi ci rimette non siete voi...vero?)
Tutti i nodi vengono al pettine!

AlexCNC
Messaggi: 292
Iscritto il: dom 13 set 2009 10:53 pm
Località: Tivoli

Messaggioda AlexCNC » gio 15 ott 2009 10:37 pm

Innanzitutto diciamo che per motivi di sicurezza è bene che tu non tolga l'interruttore, lo devi mantenere collegato così com'è, eventualmente il dimmer lo aggiungi in coda all'interruttore stesso, così facendo spegnendo l' interruttore toglierai corrente anche al dimmer.
Questo accorgimento è di fondamentale importanza, perche se il dimmer non ha una propria funzione di spegnimento, regolandolo al minimo per "spegnere" le luci lo farà solo "rosolare" per benino! in soldoni funziona che diminuisci l' intensità delle luci, la corrente che non arriva a loro se la pappa il dimmer, che in questo caso lavora e si scalda.
Ma veniamo ai collegamenti:
individua quale dei 2 fili che arrivano all' interruttore porta la corrente, con un cercafase punta prima su uno poi sull'altro, uno dei due dovrebbe accendere il cercafase sempre, indipendentemente dalla posizione del interruttore, quello che porta corrente lo devi lasciare attaccato all' interruttore, l' altro lo sviti e lo colleghi al dimmer in corispondenza della "curva con la freccetta", poi per essere rapidi colleghi un pezzo di filo tra l' entrata L1 del dimmer e il contatto dell' interruttore da cui avevi tolto il filo prima, per la verità dovresti aggiungere anche il portafusibile, ma non so se hai spazio nella scatola, ti occorrerebbe almeno una 3 posti.
Ora come ora anche se il sistema non è il TOP in fatto di sicurezza (col fusibile sarebbe meglio...) dovrebbe funzionare tutto, accendi la luce con l' interruttore e la regoli dol dimer.
Mi raccomando occhio alle luci, i dimmer funzionano solo con lampade ad incandescenza, faretti, o lampade a risparmio energetico apposite per il funzionamento con dimmer (non se ne trovano moltissime e costano un botto e mezzo!) se hai le risparmio energetico normali NON funzionano!
piccola parentesi: la curva con la freccia è un simbolo ben preciso, per la cronaca la curva è detta sinusoide, e in campo elettrotecnico rappresenta la corrente alternata, la freccetta che la trafigge indica la variazione della grandezza interessata, in questo caso la tensione ;)
Co' la colla e co' lo stucco, se confonne er mammalucco!
Sbagliare é da tutti, saper correggere è da pochi!

Avatar utente
allex
Messaggi: 2028
Iscritto il: dom 20 lug 2008 12:43 pm

Messaggioda allex » ven 16 ott 2009 2:43 pm

AlexCNC ha scritto:Ma veniamo ai collegamenti:
individua quale dei 2 fili che arrivano all' interruttore porta la corrente, con un cercafase punta prima su uno poi sull'altro, uno dei due dovrebbe accendere il cercafase sempre, indipendentemente dalla posizione del interruttore, quello che porta corrente lo devi lasciare attaccato all' interruttore, l' altro lo sviti e lo colleghi al dimmer in corispondenza della "curva con la freccetta", poi per essere rapidi colleghi un pezzo di filo tra l' entrata L1 del dimmer e il contatto dell' interruttore da cui avevi tolto il filo prima,

...ecco, ora va meglio.... 8)
Tutti i nodi vengono al pettine!

AlexCNC
Messaggi: 292
Iscritto il: dom 13 set 2009 10:53 pm
Località: Tivoli

Messaggioda AlexCNC » ven 16 ott 2009 7:40 pm

Di elettricità non ne so molto, diciamo lo stretto necessario, e di quello che so, (o penso di saperne), ne tiro fuori solo un po', quando sento che proprio sto tranquillo di ciò che dico! la corrente fa brutti scherzi, lo so io, e lo sanno vari cacciavite e pinze che sono rimasti "scottati" :oops: , anche un semplice fraintendimento di ciò che scrivo se por corretto può essere pericoloso, quindi ci sto attento e RACCOMANDO ATTENZIONE!
Pertanto, ringraziandoti per l' "apprezzamento" verso il mio consiglio, mi unisco a te nell' esortare chi scrive a prendere piena coscienza delle proprie dita prima di poggiarle sulla tastiera! :)
Co' la colla e co' lo stucco, se confonne er mammalucco!

Sbagliare é da tutti, saper correggere è da pochi!


Torna a “ELETTRICITA'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti