Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Hai avuto modo di risolvere un problema in modo originale o hai qualche "rimedio della nonna" (o perchè no "del nonno")? Scrivi un breve articolo (anche senza foto) per condividere il tuo consiglio con tutti.
Avatar utente
giovanni
Messaggi: 7330
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda giovanni » ven 14 apr 2017 1:58 am

Prima di tutto il quadro della situazione: per l'autoclave condominiale abbiamo un polmone da 200lt a membrana
della VAREM. Fin dall'istallazione a cura dell'idraulico che avevamo circa 6 anni fa, tale polmone mi ha sempre convinto poco.
Comunque era nuovo e visto che era stato messo in aggiunta ad altri due preesistenti da 18lt cad/uno non preoccupava più di tanto,
visto che l'autoclave andava regolarmente. Ogni tanto ricaricavo il polmone con il compressore e non ci pensavo più.
Ultimamente, invece, anche a causa di alcuni malfunzionamenti delle pompe, ho deciso di vederci chiaro su questo polmone.
L'ho svuotato e ricaricato alla pressione di 0.2bar meno la pressione minima del pressostato e cioè a 3.8bar. Appena caricato,
il serbatoio si sentiva che era molto più leggero di prima... però, dopo massimo una settimana diventava molto più peso; segno che
si era nuovamente riempito di acqua.
Voi cosa avreste pensato? Che la membrana era guasta e che l'acqua aveva invaso l'intercapedine. Però, cosa strana, dalla valvola
di carica usciva solo acqua. Arrivai anche a pensare che l'aria rimaneva intrappolata nella parte alta del vaso... anche se la cosa non
mi convinceva per niente. Fra l'altro la membrana di questo vaso è fatta così: sotto ha un labbro che viene bloccato con una flangia,
come del resto quasi tutti i vasi, e nella parte superiore ha un attacco da 1/2" che esce dal vaso e che viene bloccato con un altra flangia.
L'acqua entra dalla flangia inferiore e l'attacco superiore da 1/2" è tappato. Penso che lo scopo di questo attacco superiore sia quello di tenere
la grossa membrana perfettamente in verticale e al centro del vaso.
Comunque, per controllare lo stato della membrana, decido di smontare il vaso. Tolgo la flangia inferiore, allento il dado che blocca l'attacco superiore e sfilo la grossa membrana. Sorpresa: la membrana esternamente era asciuttissima e così pure le pareti interne del vaso.
Questo significava che la membrana era a posto e la situazione richiedeva una indagine più approfondita.
Per cui rimontai il tutto e riattaccai il vaso all'impianto idraulico... ma senza aprire l'acqua. Difatti prima caricai il vaso di aria alla giusta pressione.
Quindi riaprii l'acqua. Inizialmente di acqua ne entro poca, come doveva in effetti fare, ma già dopo un giorno il vaso già era aumentato notevolmente di peso.
Allora, se la membrana era buona significava che era questa che si riempiva di acqua, perché ci doveva essere una perdita di aria da qualche
parte. Mi armai di acqua saponata e cominciai a spennellarla sia nella flangia inferiore che in quella superiore. Da sotto neanche una bolla,
mentre invece molte bolle cominciarono a fuoriuscire dal sopra. E anche provando a stringere maggiormente il dado di fissaggio le cose non miglioravano. Perciò mi venne il dubbio che, visto che è la membrana stessa che crea la tenuta d'aria, che nel punto di contatto questa fosse
screpolata o che avesse comunque qualche difetto che impediva la tenuta perfetta. Dovevo perciò rismontare nuovamente tutto il vaso.
Dopo averlo fatto e estratta nuovamente la membrana, la ricontrollai nel punto di dove faceva contatto nel cielo del vaso e non c'erano segni
che giustificassero la perdita della tenuta. Allora, con un faro potente, guardai in fondo al vaso e scoprii la causa del difetto: la zona di contatto
era tutta "vaiolata"... e essendo la gomma della membrana abbastanza dura (o indurita) in quel punto, non ce la faceva a compensare le imperfezioni superficiali della lamiera, perciò da li l'aria trafilava. L'aria usciva, la pressione interna del vaso diminuiva e la membrana si riempiva
sempre maggiormente di acqua e il vaso aumentava di peso.
Ed ecco perciò scoperta la causa della perdita d'aria.
Ora il problema era: come poter ripristinare la tenuta della membrana nel cielo del vaso?
Scrissi anche alla ditta produttrice ma senza risultati.

Ora però, visto che avete avuto la pazienza di arrivare a leggere fino a questo punto, devo aprire una breve parentesi su un fatto quasi inspiegabile
di cui mi ero accorto nel momento che facevo le prove con l'acqua saponata sull'attacco superiore della membrana: dal tubetto da 1/2" che fuoriusciva dal sopra del vaso, pur levando il suo tappo, di acqua non ne usciva. Questa era una cosa proprio ai confini della realtà: visto che il tubo era in diretta comunicazione con l'interno della membrana, perché non usciva neanche una goccia d'acqua? E considerando che dentro la pressione arrivava a 5bar? Alla fine, andando per ipotesi, ho pensato che fosse la membrana stessa che si era ripiegata in modo tale da andare a chiudere
il foro di uscita. Ma come era stato possibile tutto ciò? Possibile che nel momento di precarica del vaso, l'aria in ingresso dalla valvola di carica
avesse potuto" annoccare" su se stessa la membrana fino a far si che andasse a chiudere il foro di uscita dell'attacco superiore?
E come potevo fare per impedire che il fenomeno di potesse ripetere?
Allora mi venne questa idea: se invece di precaricare il vaso a membrana vuota, lo avessi fatto a membrana piena le pareti di questa sarebbero rimaste distese, cosi da non andare a chiudere il foro del tubo. Naturalmente , però, non avrei potuto effettuare la precarica a membrana piena.
Però potevo farlo, a condizione di levare il tappo al beccuccio. In tal modo prima si sarebbe riempita totalmente la membrana, facendo distendere
le sue pareti, poi man mano che l'aria entrava nel vaso, l'acqua in eccesso sarebbe automaticamente fuoriuscita dal sopra. E così avevo scoperto
anche la funzione di questo attacco forato da 1/2": serviva da sfiato; sia dell'aria interna alla membrana, sia dell'acqua in eccesso.
Poi, dopo che la pressione dell'aria fosse arrivata a 3.8bar, sarebbe bastato chiudere il tappo e l'operazione sarebbe conclusa, e in modo corretto.

Questa era l'idea per la ricarica del vaso, però prima dovevo risolvere ancora il problema di come ricreare la tenuta perfetta della membrana sull'attacco superiore.
Visto che la superficie del punto di contatto era malridotta, se rimontavo la membrana in quel modo ero al punto di partenza... e allora mi venne l'idea di aggiungerci un altra guarnizione più morbida: una di silicone. L'idea doveva funzionare per forza. Andai in un negozio di articoli tecnici
e presi un pezzo di lastra di silicone di 3mm e ci ricavai una guarnizione di diametro est. di 100 con foro interno di 20.5mm.
Quindi rimontai tutto il vaso, aggiungendoci questa nuova guarnizione, strinsi forte il dado dell'attacco superiore e incrociai le dita.
Feci tutta la procedura della precarica riempiendo prima di acqua la membrana, come descritto prima, e alla fine feci la prova della tenuta con l'acqua saponata: nessun abolla di sapone apparse da sotto la flangia che blocca l'attacco superiore. Per sicurezza feci il controllo pure nella flangia sotto il vaso, che anche li tutto bene. L'impresa era conclusa.
Ora è tardi, ma domani prometto che metterò un po di foto.
Grazie a tutti per la lettura sull'epopea del vaso di espansione. :D
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 7330
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Re: Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda giovanni » ven 14 apr 2017 10:06 am

Ecco le foto:
Immagineupload immaginicertificity.com
Immaginecaricare immaginicertificity.com
Immagineimage sharecertificity.com
qui la membrana estratta. Da notare che è bagnata di fuori solo perché l'avevo messa sotto il rubinetto per riempirla, per vedere se perdeva:
Immagineinvia immaginicertificity.com
qui il polmone al suo posto di lavoro. Come si può notare sulla sua sinistra si notano i due polmoncini preesistenti all'istallazione del vaso da 200lt:
Immagineimage sharecertificity.com
Immaginefree image uploadcertificity.com
qui si nota la grossa perdita di aria. Ho fatto per far vedere da dove esce... ma faceva le bolle anche prima quando ci era la flangia:
Immaginecaricare immaginicertificity.com
qui si vede (male) il foro otturato del raccordo da 1/2" dalla gomma della membrana annoccata dall'aria di precarica:
Immagineinvia immaginicertificity.com
e questa è l'immagine del cielo del polmone. Se si guarda bene si nota il punto dove poggia la membrana che è più chiaro e si vede bene che la superficie è rovinata e anche il punto dove la gomma non chiudeva:
Immagineuploadcertificity.com
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce

Avatar utente
mariobrossh
Moderator Maximo
Messaggi: 13207
Iscritto il: lun 17 ago 2009 9:11 am
Località: Cosenza

Re: Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda mariobrossh » ven 14 apr 2017 2:24 pm

: Thumbup : :D
Condividere un'idea è sempre una buona idea :)

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 7330
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Re: Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda giovanni » dom 16 apr 2017 12:05 pm

Grazie mario. Soprattutto per la pazienza dimostrata a leggere tutta la vicenda.
Riguardo alla mancata risposta della ditta costruttrice, come hai visto, ce l'abbiamo fatta
anche senza il loro contributo.
Però mi sono sentito in dovere di mandargli un altra mail, nella quale, sinteticamente, ho spiegato
loro la causa della perdita e la soluzione adottata per rimuoverla. Non era una cosa dovuta...
ma almeno così, se gli dovesse ricapitare che qualcuno li cerca per un problema simile, hanno
già la soluzione pronta. :)
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce

il laureato
Messaggi: 292
Iscritto il: mer 26 set 2012 11:21 am
Località: pescara

Re: Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda il laureato » dom 16 apr 2017 12:28 pm

Giovanni, io ho lo stesso problema però con i due palloncini azzurri, non ho altro vaso, mi succede che spesso l'acqua al 2° piano va a tratti e controllando sento il motore dell'autoclave che si aziona spesso, vado giù in cantina chiudo l'ingresso principale della conduttura, faccio scendere la pressione a zero gonfio i palloni, riapro e pare tutto ok, però ho notato che questa operazione la devo ripetere spesso, in più mi spieghi come ricaricarli senza chiudere la conduttura? e se mentre gonfio cosa devo allentare? esce acqua in quel contesto? perché altrimenti devo provvedere a scaricarla fuori dalla cantina. grazie aspetto fiducioso.

Avatar utente
Capitan Farloc
Site Admin
Messaggi: 7094
Iscritto il: gio 29 dic 2005 10:58 pm
Località: Roma

Re: Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda Capitan Farloc » dom 16 apr 2017 11:00 pm

Grazie Giovanni per la pazienza che hai avutonello spiegare problema e soluzione.
: Thumbup :
Luciano

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 7330
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Re: Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda giovanni » lun 17 apr 2017 12:24 am

il laureato ha scritto:Giovanni, io ho lo stesso problema però con i due palloncini azzurri, non ho altro vaso, mi succede che spesso l'acqua al 2° piano va a tratti e controllando sento il motore dell'autoclave che si aziona spesso, vado giù in cantina chiudo l'ingresso principale della conduttura, faccio scendere la pressione a zero gonfio i palloni, riapro e pare tutto ok, però ho notato che questa operazione la devo ripetere spesso, in più mi spieghi come ricaricarli senza chiudere la conduttura? e se mentre gonfio cosa devo allentare? esce acqua in quel contesto? perché altrimenti devo provvedere a scaricarla fuori dalla cantina. grazie aspetto fiducioso.


Se sono vasi come i miei e cioè con membrana fissa, la soluzione è la loro sostituzione completa. Altrimenti se
la membrana è removibile puoi cambiare solo quella. Se poi dici che ti si scaricano in continuazione, non hai altra
scelta che sostituirli. Io, come hai letto, posso dire di essere stato fortunato perché la membrana era sia removibile, sia
ancora integra... altrimenti avevo già deciso di cambiarla. Poi considera che i miei due vasi piccoli ( ZILMET da 18lt) sono ormai
22 anni che lavorano senza tregua e, a quanto pare, sono ancora integri; e mi stupisco che abbaino potuto durare
così a lungo. :shock: Comunque ho visto che di questi piccolini si trovano a prezzi accessibili... per cui, perché vuoi stare li
a confonderti a ricaricarli di continuo? E anche mettersi a cambiare solo la membrana (se fattibile) quando (come nel mio caso)
potrebbe dipendere dall'usura stessa del vaso, per quanto costano penso convenga la sostituzione completa.

Riguardo al discorso di come fare per caricare i vasi senza interrompere l'erogazione dell'acqua alle case, occorrerebbe
sapere di preciso come è fatto il tuo impianto. Anche qualche foto non farebbe scomodo: sia dei vasi, dell'autoclave e del
pressostato.
Ultima modifica di giovanni il lun 17 apr 2017 12:40 am, modificato 1 volta in totale.
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce

Avatar utente
giovanni
Messaggi: 7330
Iscritto il: gio 30 ott 2008 12:03 am
Località: siena

Re: Ecco come salvare un polmone con membrana da 200lt per autoclave

Messaggioda giovanni » lun 17 apr 2017 12:37 am

Capitan Farloc ha scritto:Grazie Giovanni per la pazienza che hai avutonello spiegare problema e soluzione.
: Thumbup :


E per me è sempre un piacere aver qualcuno con cui poter condividere queste esperienze. :)
Nessuna buona azione resta impunita
Clare Boothe Luce


Torna a “IO HO RISOLTO COSI'”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite