consiglio

Tutto ciò che riguarda il FaiDaTe ma non rientra nelle categorie precedenti
jimmi_78
Messaggi: 10
Iscritto il: gio 18 giu 2009 1:59 pm

consiglio

Messaggioda jimmi_78 » gio 18 giu 2009 2:19 pm

ho recuperato delle vecchi tavole di pallet e vorrei provare a fare un tavolo. di che utensili avrei bisogno? il legno è al naturale e non verniciato.

grazie a tutti

Avatar utente
Tarlo 61
Messaggi: 36
Iscritto il: dom 07 giu 2009 6:15 pm
Località: Genova

Messaggioda Tarlo 61 » gio 18 giu 2009 7:34 pm

Bella domanda......e come dire devo andare a lavorare a 500 mt da casa mia che mezzo mi compero? (Se potessi mi prenderei una ferrari!!!)

Io personalmente sono dell'idea che se una persona ha una passione verso la falegnameria (come del resto le altre attività) deve procurarsi attrezzi di qualità: meglio mettere qualche soldino da parte e aspettare piuttosto che spendere poco subito. Questoè ancor più vero per chi inizia poichè chi è del mestiere, può sopperire alle mancaze dei mezzi con l'esperienza.

Porto un esempio: esistono in commercio combinate "cinesi" a circa 1000 euro e combinate di marca sempre a livello hobbistico che superano i 5000. Non ho dubbi a consigliare chi inizia e non ha esperienza a comperare quella più cara. E' più precisa, ha più protezioni ed è molto più facile da settare e mantiene nel tempo i settaggi.

Ti consiglierei per iniziare di munirti di utensili solo manuali ma di qualità.

Veniamo a te e al tuo tavolino, sicuramente il legno dei pallet non è il migliore, è poco stagionato, di scarso valore estetico e in genere di scarsissima qualità, ma con un buon impegno il tavolo ci esce, magari non per il salotto...........

Che attrezzature sono necessarie?

l'attrezzatura minima a mio parere per iniziare è la seguente:

1 martello
1 sega jap per taglio traverso vena
1 sega jap per taglio lungo vena
4 scalpelli 10, 14, 18, 22 mm (es. marca due ciliege o stubai)
1 tenaglia
1 squadretta
1 pialla a lame intercambiabili usa e getta
1 sponderuola a lame intercambiabili
1 serie di cacciaviti a taglio e a croce
carta a vetro dell'80, 120, 180, 220.

Tralascio la minuteria tipo chiodi etc etc

La spesa iniziale si aggira intorno ai 100/140 euro ma è la base.
Con queste cose se ci metti passione, tenacia e pazienza (tanta!)puoi realizzare il tuo tavolo!

Con il tempo, se la passione ti assale, puoi eventualmente aggiungere una carteggiatrice rotorbitale, una sega circolare (da utilizzare anche sotto ad un banchetto),....... e piano piano...... fai la mia fine che ho speso migliaia di euro in attrezzature e ancora continuo.......soprattutto orientandomi verso macchine usate con gloriosi passati trenta/quarantennali........

Non disdegnare ebay, soprattutto in inghilterra o in germania ove si trovano pialle ed attrezzi vintage di qualità......ovviamente occorre essere capaci a restaurarli e a renderli utilizzabili....

Spero di averti aiutato :) . Se inizierai il tuo tavolo, tienici informati. :D

Ciao

Tarlo 61
Ma cosa abbiamo fatto di male per lavorare 40 anni............

Skype: Tarlo 61

Avatar utente
giuseppef
Messaggi: 618
Iscritto il: sab 17 gen 2009 12:42 pm
Località: ladispoli(Roma)

Messaggioda giuseppef » gio 18 giu 2009 10:29 pm

Ciao,oltre a quello che ti ha detto tarlo(che condivido),penso che ti servano anche dei morsetti(5 o 6 un po' più lunghi della larghezza finale del tavolo)il legno recuperato sarà sicuramente a tavole,che per ottenere il piano del tavolo,devi incollare per forza.Anche una levigatrice rotorbitale(+o-50 euro),ti risparmierebbe parecchio lavoro.Se deciderai di farlo,per ogni eventuale dubbio,chiedi.Ciao Pino

ulysse

Messaggioda ulysse » gio 18 giu 2009 11:48 pm

scusa l'ignoranza ma...cos'e' una sega jap quale differenza c'e' per il taglio traverso vena e lungo vena?
grazie
:oops: :oops:

Avatar utente
Tarlo 61
Messaggi: 36
Iscritto il: dom 07 giu 2009 6:15 pm
Località: Genova

Messaggioda Tarlo 61 » ven 19 giu 2009 6:54 am

Le seghe jap sono seghe giapponesi che funzionano al contrario rispetto alle nostre cioè i denti tagliano tirando indietro. Questo consente di utilizzare lame sottilissime molto utili se se devono fare incastri o tagli di precisione. Sono lame usa e getta pertanto non necessitano di affilatura. Tutte le seghe nascono per un tipo di taglio e a questo scopo vengono dimensionate nei denti in modo differente per dimensione, angolazione, stradatura e affilatura. A seconda di questo lavorano meglio nel taglio lungovena o traverso!

Puoi vederne un esempio nel seguente sito:
http://www.rma-tools.com/index.php?main_page=index&cPath=67_111&zenid=252afa9c88cf1a77b4f068e2db5beff1.

Mi raccomando spendi poco........ma compra bene...........

Ciao

Tarlo 61
Ma cosa abbiamo fatto di male per lavorare 40 anni............



Skype: Tarlo 61

jimmi_78
Messaggi: 10
Iscritto il: gio 18 giu 2009 1:59 pm

Messaggioda jimmi_78 » ven 19 giu 2009 1:39 pm

in effetti anche io propendevo per una levigatrice orbitale, anche perchè le tavole sono in buono stato a parte buchi vari e un paio di pezzetti mancanti (se capisco come fare posto qualche foto).
e poi, sono un dilettante in questo campo e tutta l'attrezzatura consigliatami saggiamente da tarlo61 sinceramente non saprei come usarla... :shock:
che tipo di levigatrice mi consigliate?

Avatar utente
Tarlo 61
Messaggi: 36
Iscritto il: dom 07 giu 2009 6:15 pm
Località: Genova

Messaggioda Tarlo 61 » ven 19 giu 2009 6:18 pm

Ma una volta che le hai levigate, come le unisci tra loro? Come le tagli a misura? come fai a livellarle?

La levigatrice orbitale serve a rendere liscio un pezzo di legno utilizzando grane differenti di carta vetro. Ma se sono presenti degli avvallamenti resteranno..........

Scusami se ti dico queste cose, ma per iniziare a lavorare il legno è necessaria un inimo di attrezzatura altrimenti corri il rischio di arrenderti....

Ciao

Tarlo 61
Ma cosa abbiamo fatto di male per lavorare 40 anni............



Skype: Tarlo 61

Avatar utente
giuseppef
Messaggi: 618
Iscritto il: sab 17 gen 2009 12:42 pm
Località: ladispoli(Roma)

Messaggioda giuseppef » ven 19 giu 2009 10:25 pm

Ciao,la levigatrice orbitale,ha una funzione di rifinitura,dopo aver spianato(con altri mezzi) i segni della pialla e i"gradini" che immancabilmente si formano incollando delle assi,leviga la superficie del legno,non pensare che con questa spiani tutto,non ce la fa,la levigatrice rotorbitale,ha sostituito quella rotante,e per quanto levighi di più della orbitale,non riesce a spianare bene,ci vorrebbe allora una levigatrice a nastro(carrarmato)che è più da "sgrosso",però con questa devi fare attenzione,rischi di scavare delle buche sul piano che stai trattando.Questa levigatrice,è più versatile,perché cambiando il nastro,si riesce ad avere una buona levigatura del piano,devi però farci un po' la mano.Facci sapere...Ciao Pino

Avatar utente
forumauro
Messaggi: 92
Iscritto il: mar 10 ott 2006 5:07 pm
Località: Borgo San Giovanni [LO]
Contatta:

Messaggioda forumauro » sab 20 giu 2009 11:21 am

se ti manca qualche inseto del legno o hai dei buchi da tappare fai così:

Prendi un pezzo di asse e la seghi in modo da ottenere della segatura fine, poi la mischi a della colla vinilica in modo da ottenere un impasto tipo stucco, et voilà.

La inserisci nei fori e aspetti che asciuga. L'effetto è garantito al limone :D

jimmi_78
Messaggi: 10
Iscritto il: gio 18 giu 2009 1:59 pm

Messaggioda jimmi_78 » sab 20 giu 2009 1:59 pm

ragazzi, avete perfettamente ragione!
cmq a breve vi posto le foto delle tavole che ho. e spero che mi vogliate seguire passo passo perchè come avrete gia capito.......sono un dilettante!!

eheh a presto


Torna a “BRICOLAGE / ALTRI ARGOMENTI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 27 ospiti